Dal World Robotics Report 2019: statistiche ottimistiche per il mercato dei robot

Le statistiche preliminari del World Robotics Report confermano nel 2018 numeri positivi per le unità robotiche installate a livello globale – un aumento del 6% rispetto all’anno precedente.

 

Tra aprile a settembre 2019 la International Federation of Robotics (https://ifr.org/) ha reso pubblici i dati sulle vendite e installazioni di robot nel mondo, classificati per robot per uso industriale e robot di servizio, questi suddivisi a loro volta in robot per uso professonale e personale. Nonostante la crisi economica internazionale – e forse anche in linea con questa, come vedremo – i dati della IFR confermano un aumento delle vendite di robot in tutti i settori. L’installazione di robot industriali è cresciuta del 6%. I cinque mercati principali per i robot industriali sono: Cina, Giappone, Giappone, Stati Uniti, Repubblica di Corea e Germania.  Questi paesi rappresentano il 74% delle installazioni robotizzate a livello mondiale. La Cina rimane il principale utilizzatore di robot industriali, con una flessione nel 2019 a causa della diminuzione della crescita globale di quella Nazione. I robot industriali sono impiegati nel settore della produzione di veicoli (automotive), elettronica e lavorazione dei metalli. I robot collaborativi, i cobot, rappresentano ancora un nicchia di installazione e vendite: questi, infatti, necessitano di una riorganizzazione del processo lavorativo e di formazione del personale. Quindi, di investimenti. Infatti, dal punto di vista degli investimenti, infatti, le società considerano meno costoso sostituire tout court personale umano con robot piuttosto che formare un numero consistente di lavoratori umani a utilizzare robot collaborativi e riorganizzare completamente la produzione aumentando così la qualità e la sostenibilità dei prodotti (risparmio energetico, di materiali, diminuzione degli scarti, ecc). Anche le vendite dei robot di servizio per uso professionale sono aumentate, del 32%. I sistemi logistici come i veicoli a guida autonoma (AGV) rappresentano la maggior parte del mercato dei robot professional1 (41% di tutte le unità vendute). La seconda categoria è quella dei robot di ispezione e manutenzione (39% di tutte le unità vendute). Questi due segmenti rappresentano l’80% della quota di mercato totale. Anche le vendite dei droni sono molto aumentate. I robot di servizio per uso personale e domestico più venduti sono robot domestici, che comprendono robot per la pulizia e tosaerba. Il valore è aumentato del 15%. Le prospettive IFR prevedono un forte aumento delle vendite di robot professionali e personali (2019-2022). I robot aspirapovere entreranno sempre più spesso nelle case di tutto il mondo. Si stima che nel 2019 saranno vendute più di 17,6 milioni di unità di robot domestici – tra cui robot tosaerba, pulitori per piscine e aspirapolvere. Le unità vendute dovrebbero aumentare in media del 46% all’anno, cosicché nel 2022 saranno vendute oltre 55 milioni di unità. Le vendite di robot medicali sono aumentate del 50%, raggiungendo le 5.100 unità. I robot medicali rappresentano il 31% del valore totale delle vendite dei robot di assistenza professionale. IFR World Robotics Report, sintesi: https://ifr.org/free-downloads/