Cerca
Close this search box.

Due nuovi progetti Erasmus plus dedicati all’educazione dell’infanzia e della primaria

Scuola di Robotica è Partner in due progetti Erasmus plus che si svolgeranno negli anni 2022 e 2023, dedicati all’educazione nelle scuole dell’infanzia e della primaria.

Il progetto Erasmus in Higher Education “Distance Learning Model Reinforced with Robotics for 3-7 Years Old Children” ha un obiettivo molto attuale, ed è preparare materiali e manuali per l’educazione on line, in remoto, di bambini dell’infanzia (3-7 anni).

Durante i due anni scorsi,  i bambini hanno vissuto un lockdown anche prolungato e soprattutto i più piccoli  hanno potuto seguire la scuola con difficoltà, poiché spesso gli adulti che erano loro accanto non avevano esperienza nell’uso di piattaforme educative.

I Partner del progetto, coordinato dall’Università Kokaeli della Turchia, svilupperanno manuali e piattaforme che studenti di Scienze della Formazione utilizzeranno, con le famiglie, per l’educazione on line dei piccoli studenti.

Questi materiali potranno servire per altre situazioni, come la Scuola in Ospedale, o per momenti meteo particolari, in cui sarà bene non far uscire da casa i piccoli, o per ovviare ad assenze dovute a malattie infantili.

 

Il secondo nuovo progetto Erasmus è uno Small Scale in School Education (i nuovi progetti Erasmus dedicati a favorire la partecipazione a progetti europei di enti che ne abbiano poca esperienza),  coordinato dall’Istituto Marcelline di Foggia ed è intitolato: La Scienza? E’ una bella favola. Il progetto, dedicato alla scuola primaria, prevede la selezione di alcune scoperte scientifiche e invenzioni, la metà realizzate da scienziate donne, e la loro narrazione mediante testi, disegni, e la realizzazione di relativi cartoon con Scratch.

Le unità didattiche realizzate dal progetto riguarderanno storie di scoperte scientifiche  inerenti i contenuti disciplinari dei programmi svolti nelle scuole coinvolte e nella fascia di età interessata.
Lo scopo è trasformare la conoscenza scientifica da un puro contenuto mnemonico al prodotto di un’avventura a volte durata secoli durante la quale diversi studiosi hanno affrontato sfide e a volte pericoli per raggiungere il risultato.
Il carattere innovativo e laboratoriale delle attività proposte mira infatti al raggiungimento di una maggiore attrattività delle materie STEM e al coinvolgimento di docenti di materie non scientifiche.
La disponibilità di unità didattiche complete fornirà ai docenti (anche meno esperti) un sostegno didattico e un aiuto nell’impiego di strumenti digitali.

Articoli correlati

news
Fiorella Operto

Prof. Simon Burton: “Sicurezza nell’incertezza: Standard automobilistici per la sicurezza dell’IA e prospettive di ricerca“.   Siamo lieti di pubblicare il link al Canale youtube del

Leggi Tutto »

OPS...
CI MANCANO ALCUNI TUOI DATI

Completa il tuo profilo prima di continuare