IL PROGETTO ET3 – Equip today to thrive tomorrow – di SAVE THE CHILDREN

Equip today to thrive tomorrow (ET3) è un progetto della durata di 3 anni (giugno 2020 – agosto 2023), che si realizza in Italia all’interno del programma più ampio Skills to Succeed e che si svolge contemporaneamente in altri 5 Paesi nel mondo. Il progetto è sviluppato da Save the Children Italia, nell’ambito di una collaborazione già in essere con Accenture.

Il progetto ET3 mira a raggiungere 44.000 beneficiari, tra cui 41.000 bambine/i e ragazze/i  e 3.000 genitori, insegnanti, ed educatori/trici e ha come obiettivo principale quello di sviluppare le competenze umane (competenze di comunicazione e relazionali, il pensiero critico e la capacità di prendere decisioni responsabili, le dimensioni di consapevolezza socio-emotiva) e le capacità tecnologico-digitali in un percorso di avvicinamento alle materie STEM di bambine/i e ragazze/i (tra gli 8 e 14 anni) con un’attenzione alla mentalità dinamica orientata alla crescita e alla creatività in un’ottica di inclusione di genere.

In questo progetto, Scuola di Robotica ha progettato diversi laboratori per alunni e studenti dalla primaria alla secondaria di secondo grado. A seconda del grado della scuola, sono stati modulati i temi e dosate le sfide dei laboratori.

Ma tutti i laboratori condividono la stessa metodologia:

  • sono dedicati a temi di interesse per tutti i partecipanti,
  • i temi sono ispirati alla mission di Save the Children e alle challenge dell’Agenda 2030 dell’ONU,
  • utilizzano un kit eco-sostenibile di legno e cartone,
  • utilizzano Halocode, un computer a scheda singola progettato per il mondo dell’istruzione e luci LED, a basso costo,
  • utilizzando tablet a basso costo.

I laboratori

Il modello eco sostenibile sarà lo strumento che permetterà di realizzare diverse azioni e avventure. Grazie alla scheda Halocode contenuta nei kit forniti alle scuole, sarà possibile programmare, con un linguaggio di programmazione visuale, diverse attività e missioni che prevedranno interazioni ed animazioni sul tablet o sul monitor.

In questo modo i partecipanti, piccoli o grandi, potranno operare nel mondo grazie a un piccolo strumento e valutare come lezioni nel virtuale possono collegarsi ad oggetti reali.

Impareranno a programmare con un linguaggio iconico simile a Scratch e lo faranno, anche i più piccoli, senza difficoltà.

Ogni partecipante potrà inventare un suo personaggio, un “digital twin” che opererà nello spazio virtuale, controllato da Halocode e avvenimenti nel mondo reale, animandosi in un gioco o in una storia interattiva.

Le competenze acquisite con questi laboratori riguardano sia le hard sia le soft skills.  poiché i laboratori coinvolgono l’apprendimento di linguaggi artificiali e di linguaggi naturali (programma su Halocode e narrazione nella lingua madre); capacità di progettazione e pensiero logico e le materie STEAM; il lavoro di gruppo e la socialità. Ulteriormente saranno veicolati contenuti afferenti alla didattica tradizionale, con il supporto degli strumenti digitali.

Esploriamo lo spazio

Con un’astronave eco sostenibile vistiamo i pianeti e lo spazio. Usiamo, cioè, un oggetto reale – un modellino di astronave costruibile grazie ad una serie di incastri – come strumento per il controllo di un’animazione digitale. Halocode renderà l’astronave interattiva, e grazie a ciò che accadrà sullo schermo discuteremo di esplorazione e ricerca spaziale.

Il giardino

Le nostre piante hanno bisogno di cure, necessitano di essere annaffiate regolarmente r di essere mantenute in salute. Potremo curare il nostro giardino grazie a un sensore di umidità del terreno auto costruito, sfruttando dei supporti di legno e materiali comunemente reperibili, per produrre un sensore alla MacGyver che – una volta connesso ad Halocode – potrà avvisarci sullo stato di salute delle piante.

L’orologio

Gli orologi Smart sono sempre più diffusi. Anche noi avremo modo di poterne progettare uno; Halocode sarà messo al polso, e potrà aiutarci nel tenere e segnare l’ora, o nel contare i passi, o nell’immaginare la nostra interazione Smart personalizzata.

Troppo chiasso?

Un portachiavi intelligente misurerà l’intensità del rumore ambientale e ci avviserà se vi sia troppo rumore modificando l’intensità della sua luce.

Il sito del progetto ET3 su Save the Children: https://www.savethechildren.it/cosa-facciamo/progetti/equip-today-thrive-tomorrow.

SAVE THE CHILDREN_SdR_laboratori

Picture by Tara Winstead

Articoli correlati

news
Fiorella Operto

In breve

Troverete in questa sezione alcune notizie in breve dal mondo della robotica, dell’Intelligenza Artificiale, su convegni, progetti nazionali ed europei, e sulle ricerche. La robotica

Leggi Tutto »

OPS...
CI MANCANO ALCUNI TUOI DATI

Completa il tuo profilo prima di continuare