Sara Sesti, Liliana Moro: “Scienziate nel tempo. 100 biografie”. Ledizioni, Milano 2018

Cento biografie di scienziate: da Teano, esponente di spicco della Scuola pitagorica, alle ultime vincitrici del Premio Nobel. Un itinerario lungo la storia della scienza e dell’istruzione femminile che mette in luce figure per troppo tempo ignorate o sottovalutate, come l’attrice hollywoodiana Hedy Lamarr, cui è dedicata la copertina. È famosa per la sua bellezza, ma quasi nessuno sa che negli anni Quaranta inventò lo Spread Spectrum, una tecnologia oggi usata per il Wi-Fi. Chi dice che le donne non siano portate per la scienza?

Nell’articolo che trovate in allegato l’autrice, Sara Sesti, parla della nascita del libro “Scienziate nel tempo. 100 biografie”, dagli anni della ricerca al PRISTEM dell’Università Bocconi nel 1997.

“Sono passati già vent’anni, ma lo studio è ancora attuale. È stato il primo del genere in Italia e siamo orgogliose che molte altre ne abbiano seguito la traccia o si siano ritrovate sul nostro stesso cammino. Il  primo obiettivo è stato quello di dare visibilità alle scienziate:  volevamo mostrarne i visi e l’aspetto fisico per strapparle dall’ anonimato.  Per questo abbiamo realizzato una mostra fotografica “Scienziate d’Occidente. Due secoli di storia” che si è si è focalizzata sulle scienze dove le donne erano particolarmente assenti: quelle che ora vengono chiamate chiamate “le STEM”: Science, Thecnology, Engineering, Mathematics”.

“La mostra ebbe un grande successo e fu ospitata in molte sedi nazionali di scuole e istituzioni. Ma non finì lì. Con Liliana Moro, ricercatrice in storia, abbiamo continuato la ricerca pubblicando il libro “Scienziate nel tempo” che non ha perso la caratteristica di mostrare, insieme ai testi, i visi delle studiose. Il saggio si è arricchito negli anni di biografie e ora ne raccoglie oltre cento”.

.

 

 

Articolo di Sara Sesti sul libro “Scienziate nel tempo.100 biografie” (7.65 MB)

tags:

Donne&Tecnologia, Scienza&Società