A cura di Lorenzo Pestarino

Le squadre vincitrici 2018/2019 a ERL

Le squadre vincitrici delle Olimpiadi di Robotica 2018-2019 sono state ospiti in questi giorni dell’evento European Robotics League in Italia.

L’evento della European Robotics League al quale sono state invitate le squadre vincitrici dell’edizione 2018-19 delle Olimpiadi di Robotica è una gara internazionale di robotica nella quale squadre appartenenti a università di tutto il mondo si sfidano su un campo di gara che simula un ambiente reale, vittima di un disastro naturale.

Robot sottomarini devono mappare l’ambiente subacqueo  per individuare feriti e tubature guaste e inviare ai robot mobili il codice della tubatura rotta in modo che questi possano chiudere la valvola e interrompere il flusso di materiale inquinante.

Gli studenti delle squadre delle Olimpiadi di Robotica  hanno potuto partecipare alle conferenze tenute da esperti di fama mondiale:

il Dr. Shini Kawatsuma del Fukushima College ha presentato i robot utilizzati per la bonifica ancora in corso della centrale nucleare di Fukushima.
David Mackay del Gruppo Konsberg ha presentato il robot Eelume, uno snakerobot modulare in grado di restare sul fondo marino per lunghi periodi di tempo, per l’ispezione e la manutenzione di strutture sottomarine.
Il Dr. Bill Kirkwood (Monterey Bay Aquarium Research Institute (MBARI) ha presentato il valore didattico ed educativo delle competizioni di robotica nel percorso formativo scolastico e universitario.

Gli studenti italiani hanno successivamente presentato i loro robot alla giuria internazionale che ha fatto molte domande e apprezzato moltissimo la qualità del lavoro effettuato dai team. Hanno partecipato:

Categoria acqua
Team Hydrocarbot – Istituto d’Istruzione Superiore ‘Fortunio Liceti’, Rapallo (GE).

Categoria Aria
Team HeartQuake – Istituto d’Istruzione Superiore ‘Galileo Galilei’, Crema (CR)

Categoria terra
Team Giorgi – Istituto Tecnico Tecnologico ‘Giovanni Giorgi’, Brindisi

 

Il team “Giorgi” di Brindisi

La Europan Robotics League

La European Robotics League (ERL) è una sezione di euRobotics/SPARC dedicata a gare di robotica a livello universitario. ERL include tornei come Smart Cities, ERL Consumer (precedentemente Service), ERL Professional (precedentemente Industrial) e ERL Emergency Service Robots.

L’ERL si basa sul successo dei progetti EU-FP7/H202020: RoCKIn, euRathlon, EuRoC e ROCKEU2 ed è ora gestito dal progetto H202020 SciRoc.

I tornei locali e i principali tornei della European Robotics League hanno sede in Europa e sono aperti alla partecipazione internazionale. Questi concorsi mirano a replicare risultati di benchmarking coerenti più che a dichiarare il vincitore di un singolo evento, e sono stati progettati per raggiungere tre obiettivi chiari: la sfida sociale europea dell’invecchiamento della popolazione, il rafforzamento dell’industria europea dei servizi di robotica e per spingere lo stato dell’arte in sistemi autonomi per la risposta alle emergenze.

Inoltre, i concorsi di robot soddisfano le esigenze educative e possono servire come eccellente piattaforma per sviluppare le competenze dei futuri ingegneri e scienziati, aumentando la consapevolezza degli studenti e la comprensione della ricerca applicata e dello sviluppo della robotica.

Sito della ERL: https://www.eu-robotics.net/robotics_league/about/the-european-robotics-league/index.html

 

A cura di Lorenzo Pestarino

Le squadre vincitrici 2018/2019 a ERL

Le squadre vincitrici delle Olimpiadi di Robotica 2018-2019 sono state ospiti in questi giorni dell’evento European Robotics League in Italia.

L’evento della European Robotics League al quale sono state invitate le squadre vincitrici dell’edizione 2018-19 delle Olimpiadi di Robotica è una gara internazionale di robotica nella quale squadre appartenenti a università di tutto il mondo si sfidano su un campo di gara che simula un ambiente reale, vittima di un disastro naturale.

Robot sottomarini devono mappare l’ambiente subacqueo  per individuare feriti e tubature guaste e inviare ai robot mobili il codice della tubatura rotta in modo che questi possano chiudere la valvola e interrompere il flusso di materiale inquinante.

Gli studenti delle squadre delle Olimpiadi di Robotica  hanno potuto partecipare alle conferenze tenute da esperti di fama mondiale:

il Dr. Shini Kawatsuma del Fukushima College ha presentato i robot utilizzati per la bonifica ancora in corso della centrale nucleare di Fukushima.
David Mackay del Gruppo Konsberg ha presentato il robot Eelume, uno snakerobot modulare in grado di restare sul fondo marino per lunghi periodi di tempo, per l’ispezione e la manutenzione di strutture sottomarine.
Il Dr. Bill Kirkwood (Monterey Bay Aquarium Research Institute (MBARI) ha presentato il valore didattico ed educativo delle competizioni di robotica nel percorso formativo scolastico e universitario.

Gli studenti italiani hanno successivamente presentato i loro robot alla giuria internazionale che ha fatto molte domande e apprezzato moltissimo la qualità del lavoro effettuato dai team. Hanno partecipato:

Categoria acqua
Team Hydrocarbot – Istituto d’Istruzione Superiore ‘Fortunio Liceti’, Rapallo (GE).

Categoria Aria
Team HeartQuake – Istituto d’Istruzione Superiore ‘Galileo Galilei’, Crema (CR)

Categoria terra
Team Giorgi – Istituto Tecnico Tecnologico ‘Giovanni Giorgi’, Brindisi

 

Il team “Giorgi” di Brindisi

La Europan Robotics League

La European Robotics League (ERL) è una sezione di euRobotics/SPARC dedicata a gare di robotica a livello universitario. ERL include tornei come Smart Cities, ERL Consumer (precedentemente Service), ERL Professional (precedentemente Industrial) e ERL Emergency Service Robots.

L’ERL si basa sul successo dei progetti EU-FP7/H202020: RoCKIn, euRathlon, EuRoC e ROCKEU2 ed è ora gestito dal progetto H202020 SciRoc.

I tornei locali e i principali tornei della European Robotics League hanno sede in Europa e sono aperti alla partecipazione internazionale. Questi concorsi mirano a replicare risultati di benchmarking coerenti più che a dichiarare il vincitore di un singolo evento, e sono stati progettati per raggiungere tre obiettivi chiari: la sfida sociale europea dell’invecchiamento della popolazione, il rafforzamento dell’industria europea dei servizi di robotica e per spingere lo stato dell’arte in sistemi autonomi per la risposta alle emergenze.

Inoltre, i concorsi di robot soddisfano le esigenze educative e possono servire come eccellente piattaforma per sviluppare le competenze dei futuri ingegneri e scienziati, aumentando la consapevolezza degli studenti e la comprensione della ricerca applicata e dello sviluppo della robotica.

Sito della ERL: https://www.eu-robotics.net/robotics_league/about/the-european-robotics-league/index.html