UBTECH RoboticsAIMBOT, un robot mobile autonomo impiegato nella disinfezione nello Shenzhen Third Hospital.

Un appello alla comunità della robotica

Guang-Zhong Yang, esperto di robotica medica di fama mondiale, intervistato dalla rivista Spectrum di IEEE del 20 marzo 2020. L’intervista è a cura di Enrico Guizzo dello IEEE Spectrum.

Per leggere l’intero articolo in inglese, cliccate qui

Il Prof. Guang-Zhong Yang è direttore fondatore della rivista Science Robotics, ex direttore e co-fondatore dell’Hamlyn Centre for Robotic Surgery dell’Imperial College di Londra e recentemente, è diventato il preside fondatore dell’Istituto di Robotica Medica dell’Università Jiao Tong di Shanghai, spesso chiamato MIT della Cina. Yang vuole costruire il nuovo istituto in un centro di robotica, reclutando 500 membri di facoltà e studenti laureati nei prossimi tre anni per esplorare aree come i robot chirurgici e di riabilitazione, i sistemi a guida di immagini e la meccatronica di precisione.

La rivista della IEEE, Spectrum, lo ha intervistato. Riportiamo in traduzione nostra, alcuni passi.

“I robot possono essere davvero utili per aiutarci a gestire questo tipo di situazioni, sia per ridurre al minimo il contatto da uomo a uomo, sia come strumento di prima linea da utilizzare per aiutare a contenere l’epidemia”, dice il Prof. Guang-Zhong Yang.

Mentre i robot attualmente in uso si affidano a tecnologie abbastanza mature da poter essere impiegate, egli sostiene che i robot dovrebbero lavorare a più stretto contatto con gli esperti medici per sviluppare nuovi tipi di robot per combattere le malattie infettive.   “Quello che temo è che non ci sia davvero alcuno sforzo sostenuto o coerente nello sviluppo di questi tipi di robot” sostiene Guang-Zhong Yang. “Abbiamo bisogno di uno sforzo orchestrato nella comunità della robotica medica, e anche nella comunità di ricerca in generale, per considerare questo aspetto in modo più serio”.

Yang chiede uno sforzo globale per affrontare il problema. “Per quanto riguarda il modo di andare avanti, penso che dobbiamo essere più coordinati a livello globale”, dice. “Perché molte delle sfide richiedono che lavoriamo collettivamente per affrontarle”.

(..)

IEEE Spectrum: Che cosa pensa dei robot che vengono utilizzati per combattere l’epidemia?

Ho letto resoconti e rapporti sull’impiego di diversi robot. Robot per disinfezione che utilizzano la luce UV impiegati negli ospedali. I droni vengono utilizzati per il trasporto di campioni. C’è un prototipo di robot, sviluppato dall’Accademia delle Scienze cinese, per raccogliere a distanza tamponi orofaringei dai pazienti per i test, in modo che un operatore medico non debba prelevare direttamente il tampone al paziente. Nel mio hotel c’è un robot che mi porta i pasti. Questo piccolo robot può riuscire a salire in ascensore, andare in camera e chiamarti per aprire la porta. Io stesso, che sono un robotico, trovo sorprendente quanto questo robot funzioni bene ogni volta!

IEEE Spectrum: Dopo l’emergenza nucleare di Fukushima in Giappone, la comunità della robotica si è resa conto della necessità di essere meglio preparata. Sembra che abbiamo fatto progressi con i robot per la risposta alle catastrofi, ma che dire della gestione delle pandemie?

Penso che per eventi che coinvolgono malattie infettive, come questa epidemia di coronavirus, quando accadono, tutti si rendono conto dell’importanza dei robot. La sfida qui riguarda il fatto che nella maggior parte degli istituti di ricerca, i ricercatori sono per lo più interessati a specifici argomenti di ricerca, e questo è in effetti il lavoro di uno scienziato per scavare a fondo nelle questioni scientifiche e risolvere quei problemi specifici. Ma dobbiamo anche avere una visione globale per affrontare grandi sfide come questa pandemia.

IEEE Spectrum: Che cosa dobbiamo fare per essere preparati al meglio?

Prof. Guang-Zhong Yang

Dopo una grave crisi, quando tutto è sotto controllo, la priorità delle persone è tornare alle normali routine. L’ultima cosa nella mente delle persone è: cosa dobbiamo fare per prepararci alla prossima crisi? E il fatto è che non si può prevedere quando avverrà la prossima crisi. Quindi penso che abbiamo bisogno di tre livelli di azione, e deve essere davvero uno sforzo globale.

Uno è a livello governativo, in particolare gli enti per i finanziamenti: Come fare in modo che possiamo pianificare in anticipo e prepararci al peggio.

Un altro livello è quello della comunità della robotica, comprese organizzazioni come l’IEEE. Abbiamo bisogno di una leadership per promuovere attività come queste, la sfida della robotica. Ci sono azioni per disastri, logistica, droni – perché non sfida robotica per le malattie infettive. Sono rimasto sorpreso, e un po’ deluso io stesso, che non ci abbiamo pensato prima. Quindi per il comitato di redazione di Science Robotics, ad esempio, questo diventerà un argomento importante per noi da ripensare.

E il terzo livello è la nostra interazione con i clinici in prima linea: la nostra interazione con loro deve essere più forte. Dobbiamo comprendere i requisiti e non fissarci sulle tecnologie pure, in modo da poter garantire che i nostri sistemi siano efficaci, sicuri e possano essere impiegati rapidamente. Penso che se potessimo mobilitare e coordinare i nostri sforzi a tutti e tre i livelli, sarebbe un grande cambiamento. E saremo meglio preparati per la prossima crisi.

Quindi penso che quello che dobbiamo fare, a partire da ora, sia di avere uno sforzo più sistematico per assicurarci che quei robot possano essere impiegati quando ne abbiamo bisogno. Dobbiamo solo ricomporci e lavorare per identificare le tecnologie che sono pronte per essere impiegate, e quali sono le direzioni chiave che dobbiamo seguire. Ci sono molte cose che possiamo fare. Non è troppo tardi. Perché questo non scomparirà. Dobbiamo vedere il peggio prima che migliori.

IEEE Spectrum: Mentre alcuni dicono che abbiamo bisogno di più tecnologia durante le emergenze come questa, altri temono che le aziende e i governi utilizzeranno cose come le telecamere e il riconoscimento facciale per aumentare la sorveglianza degli individui.

Qualche tempo fa abbiamo pubblicato un articolo che elencava le 10.000 sfide per la robotica in Science Robotics. Una delle grandi sfide riguarda questioni legali ed etiche, che includono ciò che lei ha menzionato nella sua domanda. Il rispetto della privacy e la sensibilità per i diritti individuali e dei cittadini sono molto, molto importanti. Perché dobbiamo operare all’interno di questo confine etico legale. Non dobbiamo usare tecnologie che possano interferire con la vita delle persone. Lei ha detto che alcuni dicono che non abbiamo abbastanza tecnologia e che altri dicono che ne abbiamo troppa. E penso che entrambi abbiano ragione. Quello che dobbiamo fare è sviluppare tecnologie che siano appropriate per essere impiegate nella giusta situazione e per i giusti compiti.

IEEE Spectrum: Molti ricercatori sembrano desiderosi di aiutare. Cosa direbbe ai robotici interessati a contribuire a combattere questa epidemia o a prepararsi per la prossima?

Per la ricerca medica sulla robotica, la mia esperienza mi dice che, per essere efficace, la vostra tecnologia deve essere orientata alle applicazioni. Dovete assicurarvi che gli utenti finali, come i clinici che utilizzeranno il vostro robot, o nel caso di robot per assistenza, i pazienti, siano profondamente coinvolti nello sviluppo della tecnologia. E la seconda cosa è davvero pensare fuori dagli schemi: come sviluppare nuove tecnologie radicalmente diverse. Perché la ricerca robotica è molto pratica e c’è la tendenza ad adattare ciò che è prontamente disponibile là fuori. Affinché la vostra tecnologia abbia un grande impatto, dovete ripensare radicalmente la vostra ricerca e l’innovazione, non solo seguire le onde.

Ad esempio, nel nostro istituto stiamo investendo molto nello sviluppo di micro e nano sistemi e anche di nuovi materiali che un giorno potrebbero essere utilizzati nei robot. Perché per i micro sistemi robotici, non possiamo affidarci all’approccio più tradizionale dell’utilizzo di motori e ingranaggi che utilizziamo nei sistemi più grandi. Quindi il mio suggerimento è di lavorare su tecnologie che non solo abbiano un elemento di scienza profonda, ma che possano anche diventare parte di un’applicazione del mondo reale. Solo così potremo essere sicuri di avere tecnologie forti per affrontare le crisi future.